mercoledì 20 luglio 2016

Non saprò...


Non saprò...


Non saprò cosa rispondere...
Quando mi chiederai della cattiveria, 
quando domanderai della libertà.

Non saprò parlare e non avrò comunque, tanto da spiegare. 
Quando ti accorgerai del declino di questa nostra umanità e 
quando capirai l'uomo...
Sempre in cerca di falsi miti, soffocato dall'orrore.

Non saprò dirti come e quando abbiamo perso,
contro chi voleva abbatterci... 
Per potere, per denaro, chi lo saprà mai!

E non saprò chiedere scusa...
A te, così puro e innocente.
Mentre là fuori, soffocheranno la tua vita e
ruberanno la tua essenza.

Non saprò spiegarti questo nostro passato incomprensibile, 
da cui niente è stato appreso.
E ora ecco, questo presente così teso...

Non saprò dire chi ti ha rubato la felicità,
Allora la persi anch'io...

Ed è pesante come un macigno, questo nuovo mondo.
Che anche se continua a girar illuso, 
sa bene di aver perso qualcosa che non tornerà più indietro.

20 Luglio 2016,
Francesco Cerenzia